Call of Duty Black Ops Cold War ha ricevuto la prima patch per il bilanciamento di alcuni aspetti del Multiplayer. Andiamo a scoprire le principali novità.

Per prima cosa il fucile d’assalto FFAR1 ha subito un importante depotenziamento: il tempo di ricarica è stato aumentato, il danno dei proiettili è stato diminuito del 3,5% (da 28 a 27) ed è stata ridotta la portata.

Treyarch ha svelato che l’ultimo update di Black Ops Cold War va a diminuire del 33%, il raggio di danno effettivo base dell’MP5 e di aver regolato il rinculo iniziale. Questo è stato probabilmente il nerf più richiesto dalla community.

Anche AUG e M16 sono stati nerfati, ma ancora non abbiamo nessun dettaglio preciso a riguardo.

Inoltre, c’è stato un bilanciamento dei Fucili da cecchino aumentando il tempo tra la corsa e l’esplosione di un colpo (da 400ms a 450ms) e riducendo la velocità di movimento mentre si spara (da 7,59 mph a 5,13 mph).

Ogni Scorestreak del gioco è stata modificata, alcune con un aumento dei punti per utilizzarle, altre con una diminuzione degli stessi:

  • Gli approvvigionamenti hanno visto il suo costo salire da 1.800 a 2.000 punti, mentre
  • Pattuglia aerea è diminuito da 3.200 a 2.700 punti.
  • attacchi al Napalm da 2.100 a 2.500
  • l’Artiglieria da 2.500 a 3.000
  • il Missile Cruise addirittura da 2600 a 3500 punti.

Se cercare guide e notizie su Call of Duty Black Ops Cold War visitate la sezione dedicata nel nostro sito.